Attività del 2007-2008

Acquedotto Rarieda – Kenya

AEMBO BAY WATER PROJECT RARIEDA – NYANZA (2007)
Nell’estate del 2006 il Ministro degli Esteri del Kenia on. Raphael Tuju ha voluto incontrare l’Associazione Amici di S. Francesco per programmare l’inizio dei lavori per la realizzazione dell’acquedotto sul territorio sù citato del Kenia con presa dal Lago Vittoria.

Il lago Vittoria è il più grande lago dell’Africa tropicale avente la superficie di 68.870 km², ed è il secondo più grande lago di acqua dolce del mondo.

E’ situato su un altopiano e le sue acque appartengono per il 6% al Kenia.

Il progetto riguarda la realizzazione di un primo tronco di acquedotto di 56 km, che porterà l’acqua dal Lago Vittoria all’interno della provincia di NYANZA per servire l’agricoltura, l’allevamento di bestiame e la popolazione locale.

DATI TECNICI

L’acquedotto parte dal Lago Vittoria dove é stata costruita una vasca di decantazione e una stazione di filtraggio grossolano dell’acqua prima dell’immissione nelle tubazioni mediante n° 1 pompa multistadio di

ca 180 kW con una portata di ca. 300 m³/h di acqua.

Le tubazioni sono in polietilene saldate in loco con macchine speciali da tecnici Kenioti addestrati in Italia.

Il diametro di partenza della linea dorsale già installata è di 8” per una lunghezza di 13 km, di 6” per una lunghezza di 5 km e poi di 5” per una lunghezza di 14 km.

Nei tubi posati la prima acqua è scaturita il 10 agosto 2007.

Lungo il percorso delle tubazioni sono previste ca. 10 vasche di stoccaggio da 30 m³ /cad, in acciaio poste su tralicci in ferro a 10-12 mtr dal suolo.

Attualmente sono state installate 6 vasche realizzate in acciaio in loco da produttori Kenioti, ed è in appalto presso imprese locali e finanziata dall’Ambasciata Italiana a Nairobi una vasca in cemento armato da 1000 mtr³.

Nelle vicinanze di ogni serbatoio è previsto un potabilizzatore ad ozono, alimentato con pannelli fotovoltaici.

La capacità di ogni potabilizzatore sarà stabilita in base all’utenza che dovrà servire, che può essere una comunità, un piccolo villaggio o un’unità ospedaliera o infermieristica.

Attualmente è stato realizzato il primo prototipo avente la capacità di ca 9.000 lt/h che servirà l’unità ospedaliera di EnKubu.

Il percorso dell’acquedotto è quello riportato nel grafico. Finora sono stati realizzati 32 km della 1° tappa di 52 km fino a Bondo.

La 2° tappa di altri 50 km sarà realizzata con lo stesso metodo tecnico e il programma finanziario e di donazioni qui di seguito indicato e servirà tutto il territorio di Bondo.

Attualmente l’acqua è distribuita in 250 villaggi.

 

NOTA TECNICA DEL POTABILIZZATORE AD OZONO

L’apparecchio esposto provvede al trattamento, sterilizzazione e potabilizzazione di acqua già filtrata e libera di particelle quali terra, piccoli semi, ed alghe.

L’acqua una volta filtrata viene inviata per caduta libera al cilindro di contatto, dove grazie ad una piastra di diffusione fissata sul fondo, l’ozono viene diffuso in controcorrente alla stessa alfine di aumentare al massimo il tempo di contatto tra l’acqua e l’ozono.

Questo viene prodotto in un apposito apparato dove l’ossigeno dell’aria viene in parte trasformato in ozono grazie all’effetto “corona” innescato dalla differenza di potenziale tra anodo e catodo.

Il tempo di potabilizzazione dell’acqua varia da pochi secondi a pochi minuti secondo la carica organica e batterica dell’acqua.

L’azione dell’ozono e pari a 10 volte quella del cloro.

La potenza elettrica necessaria per il funzionamento è di 2,8 kW con corrente a 220 Volt/3/50 Hz.

La portata massima dell’acqua da potabilizzare é pari a 9.000 lt/h.

Programma finanziario e donazioni del progetto

 

Tutto il progetto è stato patrocinato dal Rotary Club Vimercate Brianza Est insieme all’Associazione Amici di S. Francesco Onlus e seguito direttamente da una commissione tecnica costituita da membri dello stesso Rotary Club.

Il Governo del Kenia ha finanziato e fornito le tubazioni in polietilene, su interesse diretto del Ministro dell’Esteri Mr. Tuju ed inoltre si è accollato tutto il costo di trasporto della maggior parte del materiale e delle macchine.

La ditta Rivaltherm di Merate ha fornito gratuitamente l’istruzione tecnica di 2 tecnici Kenioti venuti in Italia per il montaggio dei tubi.

La dittta Mapleco di Missaglia ha fornito gratuitamente n° 2 saldatrici a caldo dei tubi.

La ditta CIAB di Lecco ha fornito le pompe centrifughe.

La ditta CGT di Agrate ha fornito a costi ridotti n° 1 Bulldozer grande e n° 1 piccola scavatrice, mentre il Rotary Club Vimercate Brianza Est si é attivato per la donazione della grande scavatrice.

La ditta S.T.I.A srl  di Parma ha fornito con donazione del Rotary Vimercate B.za Est n° 1 potabilizzatore.

In totale su un costo complessivo per la 1° tappa di 550.000 Euro,

La donazione diretta e indiretta del nostro Club è di 200.000 Euro.

Siamo attualmente in attesa di sponsors, offerte e donazioni per il completamento della 1° tappa e la realizzazione della 2° tappa.

Ricordando quanto detto dal ministro Tuju alla conferenza stampa durante la presentazione del progetto nel febbraio 2007:

“We are facing the lake Victoria, the lake is facing us and we have no water”

Ora dopo circa 1 anno e mezzo dall’inizio dei lavori possiamo dire:

“we have finally water”,

grazie ai contributi e gli aiuti sù citati.

associati

Un Rotary Club è caratterizzato da ciò che fa, dalle sue azioni.

associati